Architetture bianche, che parlano il sapiente linguaggio della cultura mediterranea, il colore delle città del mare, eredi dell’antico sapere delle genti che sapevano ascoltare le leggi naturali del vivere secondo il sapiente uso dei materiali.

Bianco come le città della letteratura italiana, legno come la materia che ci lega alle architetture tipiche del nostro territorio (trabocco). L’essenza materica si confonde con lo spazio etereo di ambienti sospesi in una luce cromatica che confonde le superfici così come il mare si perde nel cielo.

La storia e la contemporaneità si fondono attraverso una gamma cromatica di sfumature di bianco che tratteggiano l’ispirazione alla cultura letteraria del nostro novecento.

forse tu, pace delle città bianche fai parte dei miraggi della vita”, la città ideale.

(tratto da Le città invisibili di Calvino).

Clients

Privato

Info